Documento senza titolo
       

  • Meteo

06-05-2019, 17:19

5 maggio 2019: una nevicata storica

Per il mese di maggio, è stato l'evento più rilevante degli ultimi 75 anni almeno

Gli aggettivi altisonanti si sprecano, ma questa volta non si possono evitare: a ragion veduta, fra l'altro, perché quella di domenica 5 maggio 2019 entra di diritto nella storia meteorologica di Reggio Emilia e della regione Emilia Romagna. 

Per il mese di maggio, è stata la nevicata più abbondante mai registrata sul nostro territorio dal secondo dopoguerra, e probabilmente dall'inizio delle rilevazioni del Servizio Idrografico (1929 a Castelnovo Monti). Ma, per trovare un termine di paragone efficace, potrebbe essere necessario scomodare la famosa tempesta del maggio 1861, quando il Regno d'Italia era appena stato proclamato e la neve ricoprì anche le città di Reggio Emilia - allora in festa per la Sagra della Giareda, proprio a causa di quell'episodio poi celebrata a settembre - e Modena.

Come anticipato nell'articolo del 3 maggio, l'intero Appennino ha così visto, nel 2019, una tardiva e storica nevicata di maggio, dal Crinale (accumuli di 40-45 cm a Febbio e Civago) fino alle colline più basse (2 cm a Ciano d'Enza, 200m). A San Giovanni di Querciola (520m sul primo Appennino) l'accumulo è stato di 13.5 cm, valore che ha superato il precedente record del 6 maggio 1957, in cui si ricordano 8-9 cm alla stessa quota. 
Anche a Castelnovo ne' Monti, con ben 35 cm, si è battuto il precedente record di 22 cm del 6 maggio 1957 (ringraziamo Devis Bedini per la preziosa informazione).

Il confronto fra due scatti delle webcam di Felina e del Cusna, a distanza di 48 ore, rende l'idea dell'intensità del peggioramento. 



Autore: Redazione REM
 
Novanta scs
Via Pieve, 5
42035 Castelnovo ne' Monti (RE)
P.IVA: 01422880359
 
PREVISIONI
 
WEBCAM
 
STAZIONI
 
MODELLI
 
CLIMA
 
NEWS
 
APP & WIDGET
 
CHI SIAMO
 
© 2012 - Reggio Emilia Meteo | Web Design by Matrix Media srl